aggiornamento ptr

Ecco un breve aggiornamento sulla situazione delle ptr che seguo.

Il 90% di quelle a cui mi ero iscritta è crollata sotto il peso dello scam, ma da Isabelmarco sto avendo grandissime soddisfazioni, la sua solidità per ora è veramente seria, i tempi di pagamento si sono leggermente allargati ma resta sicuramente la ptr più affidabile sul mercato.

Il consiglio per farla girare al meglio, se non si vogliono attendere 3 mesi per reinvestire i guadagni ottenuti, è quello di comprare almeno 35 ref e sottoscrivere la premium mensile. Nel primo mese andrete in pari con la spesa e poi inizierete a guadagnare. Ulteriore consiglio, reinvestendo la metà dei guadagni ottenuti il vostro capitale crescerà sempre di più e voi sarete sempre e comunque in attivo.

In alternativa, raggiungete i primi 10 dollari utili per il pagamento, utilizzateli per compare 5 refs e via dicendo, come ho fatto io.

 

Altra ptr pagante (ma in alternativa è utile anche come ptr per rigirare i vostri link pubblicitari) è  07buxnet, piuttosto seria e con un numero di link abbastanza costante. In questa ptr non ho effettuato l’upgrade, ritenendolo al momento poco conveniente al mio uso, ma ho acquistato 5 ref, e per ora stanno lavorando bene. 

 Formula leggermente insolita quella di hispanobux in quanto permette il cambio manuale dei ref di cui non si è soddisfatti con il costo di 15 centesimi a operazione. Tutto sommato la formula è innovativa e utile, rende conveniente l’acquisto dei ref. Segnalo che inizialmente ho avuto problemi di conteggio con i miei click e quelli dei miei ref ma segnalando il problema all’admin tramite il relativo form ho avuto immediata risposta e risoluzione dei problemi. Quindi, massima comunicabilità. 

 Buxto e bux3 le consiglio solo più per chi intende acquistare pubblicità, i tempi di pagamento sono troppo lunghi per essere accettabili. 

Queste, al momento, le ptr che seguo e che consiglio, sicuramente Isabel è la migliore

 

aggiornamento ptrultima modifica: 2008-09-29T15:33:00+00:00da giadatea
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento